Rientrato in Italia nell'agosto del 1946, già due mesi dopo iniziava la sua carriera di docente di materie letterarie. Una carriera lunga e movimentata che troviamo esplicitata nel suo Stato di servizio:

  • 1/10/46 - 30/06/49 Ginnasio Statale Nocera Inf. - 18 ore
  • 1/10/49 - 30/06/50 Ginnasio Statale Sala Consilina - 18 ore
  • 1/10/50 - 30/06/55 Liceo Eboli - 17 ore
  • 1/10/55 - 30/06/56 Liceo Amalfi - 17 ore
  • 1/10/56 - 30/06/60 Liceo Eboli - 17 ore
  • 1/10/60 - 30/06/62 Liceo Agropoli - 17 ore
  • 1/10/62 - 30/06/63 Ginnasio Salerno
  • 1/10/63 - 30/06/66 Scuola Media Statale S. Tommaso in ruolo
  • 1/10/66 - 30/06/78 Liceo Scientifico Statale G. Da Procida

Inoltre dallo stesso si evince che papà ha conseguito l'Abilitazione all'insegnamento di Lingua e Letteratura Italiana Latina e Greca, Storia e Geografia il 22/05/53, che è stato immesso in ruolo con la legge 831/1961 materie letterarie Scuola Media S. Tommaso D'Aquino (SA) e, con la stessa legge, in ruolo Italiano Latino e Storia dal 1/10/66.

A questo servizio nelle scuole statali va aggiunto quello che ha prestato presso il Liceo Ginnasio Pio XI l.r. in Salerno, scuola diocesana legalmente riconosciuta nella quale, fino a qualche anno fa, ho cercato di esercitare la "missione" di educatore sulla scia da lui lasciata. Papà aveva un buon rapporto con i colleghi che lo stimavano e rispettavano. Era un insegnante severo ma non cattivo: pretendeva sempre il massimo dai suoi alunni che, per la maggior parte, lo ricordano con affetto, simpatia e grande riconoscenza.