NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta l'uso dei cookie. Per saperne di più

Approvo

Confessalo: è così che noi viviamo; noi ci comportiamo verso il cristianesimo come qualcuno che stipula una assicurazione con una società di pompe funebri; ci si affida alla possibilità e si dà per scontato che si sarà cristiani in morte; ma come vivi, così morrai!

Kierkegaard

Gran parte della vita ci scappa via mentre agiamo in modo sbagliato, la maggior parte mentre stiamo senza far niente, e l'intera esistenza trascorre in occupazioni inutili e che non ci riguardano veramente. Trovami, se sei capace, uno che dia al tempo il giusto valore, che capisca quanto può essere importante una giornata, che si renda conto che noi moriamo un po' ogni giorno! Perché questo è il punto: noi pensiamo alla morte come a qualcosa che sta davanti a noi, mentre in gran parte è già alle nostre spalle: tutta l'esistenza trascorsa è già in suo potere.

Seneca

La morte è una misteriosa ospitalità.

G. Marcel

Perché hai paura della morte? Dubiti forse di me? Per i tuoi peccati: ecco la mia misericordia. Per le tue preoccupazioni, inquietudini, desideri: ecco la mia provvidenza. Per la tua debolezza: ecco la mia onnipotenza. Mia gioia è dare ora per ora la forza sufficiente, è averti tutta nella dipendenza del mio amore.

Gesù a Suor Maria della Trinità

La morte non è niente, noi siamo andati semplicemente nella stanza accanto. Noi siamo noi, voi siete voi: per voi noi saremo sempre ciò che siamo stati. Dateci il nome che ci avete sempre dato, parlateci come avete sempre fatto. Continuate a ridere di ciò che ci ha fatto sempre ridere. Pregate, sorridete, pensate a noi. Che il nostro nome sia pronunciato in casa com'è sempre accaduto. Il senso della vita è sempre lo stesso. Il filo non si è interrotto. Perché dovremmo essere fuori dai vostri pensieri semplicemente perchè siamo fuori dalla vostra vita? Noi non siamo lontani, siamo solamente dall'altro lato della strada.

S. Agostino

Dov’è, o morte, la tua vittoria? Dov’è, o morte, il tuo pungiglione? Il pungiglione della morte è il peccato e la forza del peccato è la legge. Siano rese grazie a Dio che ci dà la vittoria per mezzo del Signore nostro Gesù Cristo! Perciò, fratelli miei carissimi, rimanete saldi e irremovibili, prodigandovi sempre nell’opera del Signore, sapendo che la vostra fatica non è vana nel Signore.

1Cor 15,51-58